Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 11 Dic, 2015 in Quarta pagina | 0 Commenti

Tango Chic

Tango Chic

tango chic

Una moda semplice per ballare un tango sensuale e sexy. E’ il principio che ispira ogni creazione che nasce dalla fantasia e dalla bravura di Maria Malvicini. Un passato da insegnante, una laurea in lingue, un presente e un futuro fatto di stoffe eleganti, di tessuti sempre nuovi, di sete e merletti unici. Passione ed estro in ogni creazione di Maria sono le note che accompagnano la realizzazione degli abiti per il più sensuale dei balli. Nessuno sa chi abbia dato il nome di tango a questo ballo, né si sa esattamente perché si chiami in questo modo. In latino tango è la prima persona dell’indicativo presente del verbo tangere ,toccare, e vuol dire quindi “Io tocco”. Un ‘idea che è diventata un’ impresa di successo quella di Maria Malvicini. Un’idea che la porta ad attraversare lo stivale con le sue creazioni.  “Tutto -racconta Maria Malvicini- è nato per caso. Avevo voglia di creare qualcosa”. La linea abiti da Tango realizzata da Maria è nata quattro anni fa. ”Ballavo tango “un ballo caratterizzato da eleganza e passionalità. Il compositore e musicista argentino Enrique Santos Discépolo Deluchi diceva che “il tango è un pensiero triste che si balla” per Maria è diventato simbolo di riscatto e di rinascita professionale. “La tua eleganza il tuo tango” è la scritta che campeggia sul manifesto pubblicitario dell’atelier di Maria Malvicini . Le sue sono creazioni di qualità “non  ho mai prodotto abiti in serie . Anche se una cliente mi chiede di realizzare un abito che , magari,  ha già visto, non lo farò mai uguale ad un altro”. Maria, infatti,  utilizza  tessuti e colori sempre nuovi per proporre continuamente novità alle tanguere che amano mantenere la loro unicità e sentirsi belle e seducenti. Maria Malvicini con la sua storia di successo è la testimonianza che chi vuole può. “Ricominciare- sottolinea Maria- e cosa grande e gratificante direi proprio di sì certo ci vuole energia e tanti sacrifici che poi però premiano”

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/638-2/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *