Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 5 Set, 2017 in Cultura, Eventi, Prima Pagina | 0 Commenti

Alessio Lapice uno stabiese a Venezia

Alessio Lapice uno stabiese a Venezia

Alessio Lapice uno stabiese a Venezia.

C’è anche un pò di Castellammare quest’anno alla Mostra del Cinema di Venezia . Nel cast di Nato a Casal di Principe, Alessio Lapice stabiese di nascita, classe 1991, è il vero protagonista della pellicola, diretta da Bruno Oliviero, fuori concorso alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Nato a Casal di Principe” racconta una manciata di settimane nella vita di un ragazzo di vent’anni: Amedeo Letizia. Giorni che gli segneranno a fuoco la vita. Tutto inizia da un’immagine di questo ragazzo, sul bordo di un lago, con un fucile in spalla. Un eroe solitario immerso nel mistero di una ricerca. In un territorio, Casal di Principe, in cui i rapporti sono di una fatalità ancestrale, in cui gli uomini girano armati e la camorra sembra endemica. Poi affiora, nei ricordi di Amedeo, un altro contesto, la Roma della fine degli anni 80, dove lui, attore alle prime armi, si comporta con una spavalderia e una violenza che ha appreso tra i camorristi del suo paese e che usa per giocare al duro tra i suoi amici attori. Ma tutto sta facendo cortocircuito ora in lui. Nel suo paese hanno rapito il fratello. La finzione dei suoi atteggiamenti si sta pericolosamente avvicinando alla realtà. Questa tensione tra realtà e finzione, tra normalità e criminalità sono la cifra del film. Amedeo è un ragazzo, con tutto il fascino dell’eroe negativo, che guardandosi attraverso lo specchio deformato di ciò che può divenire si rende conto di come fare il meglio. Per farlo dovrà passare attraverso un viaggio iniziatico di dolore, violenza, orrore. Dovrà fare una sua personale guerra votata al fallimento, dovrà mettersi contro suo padre, dovrà rischiare la vita della sua famiglia, dovrà sfidare i suoi demoni interiori e quelli concreti del suo paese, per liberarsi infine delle sue “cattive” origini.

 

Al fianco di Alessio Lapice, nel film, anche Donatella Finocchiaro e Massimiliano Gallo. Seppur giovane Alessio ha diversi successi già alle spalle. Nel 2015 partecipa alla fiction trasmessa su Rai 1 Sotto copertura che racconta la storia di Antonio Iovine, boss del clan dei Casalesi, dalla sua latitanza fino alla sua cattura. Successivamente partecipa all’episodio conclusivo di Don Matteo 10 e sempre nello stesso anno prende parte alla serie televisiva russa Endless Summer diretta da Valentina Vlasova. Nel 2016 lo vediamo nella miniserie televisiva Fuoco amico TF45 – Eroe per amore accanto a Raul Bova e Megan Montaner. È il caporal maggiore Francesco De Lucia paramedico che si unisce ad una missione speciale in Afghanistan ritrovandosi coinvolto in una situazione più grande di lui. Nello stesso anno entra nel cast della seconda stagione di Gomorra – La serie, dove interpreta Alfredo Natale fratello di Tommaso braccio destro del boss Avitabile, padre di Azzurra. Alfredo viene incaricato dal boss di sequestrare un funzionario comunale che però nel tentativo di fuggire viene ucciso dallo stesso Alfredo. Nel 2017 l’esordio al cinema. Ottiene una partecipazione nel film Il padre d’Italia nel ruolo di Adriano accanto a Luca Marinelli e Isabella Ragonese e il suo primo ruolo da protagonista in Tafanos, film girato in lingua inglese e diretto da Riccardo Paoletti

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/alessio-lapice-uno-stabiese-venezia/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *