Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 12 Mar, 2016 in Qui Castellammare | 0 Commenti

Castellammare subito le primarie

Castellammare subito le primarie

“Subito le primarie” a ritornare sull’esigenza di far svolgere la competizione per scegliere il candidato del Partito Democratico alla carica di primo cittadino è Umberto Ostieri. Il primo a lanciare mesi fa la sua candidatura. Era atteso in città , chiusa la competizione nel capoluogo partenopeo, il commissario Gennaro Migliore che aveva preso l’impegno di dedicarsi a Castellammare. Un ‘altra settimana di attesa a vuoto per gli “Amici” e i “Compagni” stabiesi . La sola notizia, già in aria da tempo , è stato l’avvicinamento delle liste moderate di Antonio Alfano e Franco Manniello al centro sinistra.  Forse complice il tempo freddo e la pioggia di marzo non esce dal letargo il Pd stabiese assente totalmente dalla scena cittadina . A rilanciare la discussione sulle primarie che un gruppo vorrebbe e l’altro no ci prova in questo sabato di Marzo Umberto Ostieri “Il Partito Democratico deve puntare allo svolgimento delle primarie a Castellammare. Solo attraverso un chiaro coinvolgimento della città, nella scelta del candidato che rappresenterà il centrosinistra, si potrà avviare una fase di vero e efficace rinnovamento. La vicenda napoletana dimostra che se da un lato c’è bisogno di una regolamentazione di questo prezioso strumento democratico, dall’altro solo una chiara indicazione di voto attraverso le primarie può conferire legittimità al candidato che si prepara ad una importante competizione elettorale. Per tale motivo potremmo pensare a primarie a costo zero con un semplice contributo da parte dei dirigenti per evitare rischi. La sfida per il Comune di Castellammare è una partita impegnativa, delicata e complessa: chi si candida deve sapere, in maniera evidente, che solo la competenza di un candidato che sappia districarsi nelle difficili vicende amministrative, possono dare la svolta per il buongoverno” dichiara Umberto Ostieri. “Dobbiamo aprire le stanze del partito, fare in modo che i vertici regionali incaricati di risolvere i nodi politici cittadini – continua Ostieri – vengano nella nostra sede, incontrando i dirigenti locali. No a riunioni segrete, a vertici improvvisati: sì al confronto pubblico, al dialogo tra le componenti per la soluzione dei problemi. Un confronto che apra la discussione anche a un tema centrale della prossima campagna elettorale: la formazione di liste forti, formate da personalità valide e preparate. Non è solo colui che avrà l’onore di guidare la coalizione di centrosinistra a dover avere la patente del rinnovamento. Ma anche le liste che il Pd prima e gli altri alleati dopo proporranno alla città dovranno essere frutto di analisi approfondita, di valorizzazione delle capacità, dell’onestà e della novità. Le primarie del Pd – continua Umberto Ostieri – sono un’iniziativa democratica seria e complessa. Al di là di qualche difficoltà da risolvere sono uno strumento di partecipazione ben lontana dalla “click-democrazia-virtuale” che qualche movimento, tra un litigio e l’altro su facebook, si ostina a propagandare come novità politica del futuro. Non c’è più tempo da perdere: questa scellerata attesa di una decisione che cali dall’alto rischia di pregiudicare definitivamente il risultato elettorale per il Pd. Non si possono perdere sette mesi per trovare il nome del candidato e sbrigare in cinque minuti la questione relativa al programma elettorale che è la base sui cui andiamo a chiedere il voto agli elettori. Chi si candida deve essere messo nelle condizioni di poter elaborare un programma di governo efficace e dettagliato che rappresenti una reale svolta per il buongoverno della città. Il Pd ha il compito di individuare il leader della coalizione che, nel rispetto delle posizioni reciproche, avrà il compito di dialogare con i moderati stabiesi. Il fermento che si avverte anche nei settori del centro moderato va incanalato in un giusto confronto, alla ricerca di punti programmatici comuni per la soluzione delle vertenze che al momento frenano lo sviluppo della città” l’appello di Umberto Ostieri.
“Anche ai vertici nazionali del Partito Democratico abbiamo ribadito la necessità di affrontare al più presto la partita primarie. Castellammare di Stabia ha una tradizione politica lunga e gloriosa: il tempo perso, le tattiche attendiste e i tecnicismi della politica non sono degni di una storia come quella della sinistra stabiese”.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/castellammare-subito-le-primarie/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *