Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 17 Dic, 2015 in Prima Pagina | 0 Commenti

Circumvesuviana ancora bocciata

Circumvesuviana ancora bocciata

Un altro anno nero il 2015 per la Circumvesuviana che dati alla mano, secondo il dossier presentato da Legambiente, risulta essere tra le dieci linee peggiori d’Italia. Treni vecchi ed inadeguati e aumento delle tariffe i nei evidenziati dal dossier “Pendolaria”.  ”La Alifana insieme alle linee della Circumvesuviana sono tra le dieci tratte ferroviarie peggiori d’Italia, tra treni vecchi, lenti, su linee che vedono troppo spesso tagli e accumulano ritardi. È quanto segnala Legambiente che lancia la Campagna Pendolaria 2015, presentando una anticipazione, con analisi della situazione di maggiore disagio sulle linee ferroviarie italiane, del Rapporto annuale che verrà presentato a gennaio e che quest’anno avrà come focus l’emergenza Sud. Le ragioni della situazione che vivono i pendolari sono chiare. I treni sono troppo vecchi. In Campania attualmente sono 431 i treni in servizio con convogli di età media pari a 17,3 anni, il 78,3 % dei treni circolanti ha più di 20 anni. I treni sono pochi. In Campania tra il 2010 e il 2015 il taglio ai servizi ferroviari è stato pari al 15% a fronte di un record di aumento del costo dei biglietti pari al 23, 75 % con un servizio che non ha avuto alcun miglioramento. La fotografia di Legambiente del trasporto pubblico campano ormai è da anni sempre la stessa: treni affollati, lenti, spesso in ritardo. Ed ancora treni soppressi, guasti improvvisi, carrozze sovraffollate senza contare i problemi di circolazione legati spesso al binario unico che causano ulteriori ritardi. Per centinaia di migliaia di pendolari che ogni giorno prendono il treno per andare a lavorare la situazione diventa ogni giorno più difficile – dichiara il direttore di Legambiente Campania Antonio Gallozzi-. Oramai da anni si sta celebrando il funerale del trasporto pubblico in Campania: con continui tagli, con la politica che non risolve o fa finta di nulla con i cittadini vittime che continuano a pagare per un servizio pessimo. Il trasporto pendolare dovrebbe essere una priorità delle politiche di Governo , perché risponde a una esigenza reale e diffusa dei cittadini e perché, se fosse efficiente, spingerebbe sempre più persone ad abbandonare l’uso dell’auto con vantaggi ambientali, climatici e di vivibilità delle nostre città. Eppure, un cambio di rotta delle politiche di mobilità ancora non si vede. Nella Legge di Stabilità non c’è nessuna risorsa per l’acquisto di nuovi treni o per il potenziamento del servizio, mentre gli stanziamenti erogati dalle Regioni sono talmente risibili da non arrivare, in media, nemmeno allo 0,28% dei bilanci. Il cambiamento –conclude Gallozzi- passa per l’acquisto di nuovi treni, nell’interesse generale oltre che dei pendolari; nel rinnovamento del parco rotabile in circolazione sostituendo i treni con più di 20 anni di età; nel potenziamento dell’offerta nelle tratte più frequentate delle aree metropolitane senza tralasciare il necessario miglioramento del servizio”. A Napoli rimane gravissima la situazione che continua a vivere la Circumvesuviana, una delle ferrovie più colpite dai tagli degli ultimi anni, con treni fatiscenti, vagoni stracolmi perché insufficienti per una delle linee pendolari più frequentate della Campania, che collega Napoli con i comuni della provincia. La situazione della Circumvesuviana è una autentica vergogna italiana. Bisogna ricordare infatti che si tratta di una delle linee pendolari più frequentate della Campania, con 142 km di lunghezza e oltre 121mila utenti ogni giorno. Ancora nell’ultimo anno sono stati numerosi gli episodi di disagi e disservizi, con treni fermi anche un’ora alle fermate a causa di guasti e rotture dei mezzi. Proprio il materiale rotabile e la scarsa frequenza del servizio sono le cause maggiori dei problemi della Circumvesuviana. Nel corso dell’ultima estate purtroppo si sono aggiunte altre soppressioni, con addirittura 26 corse cancellate, otto delle quali riguardanti proprio la linea Napoli-Nola-Baiano. I tagli effettuati in questi anni stanno provocando enormi disagi ai cittadini dell’Hinterland napoletano, ma anche la sicurezza si sta rilevando problematica, a causa della scarsa manutenzione. I disagi riguardano anche le stazioni, dove sono state chiuse 22 biglietterie, e l’affollamento sempre più insostenibile delle banchine di attesa.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/circumvesuviana-ancora-bocciata/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *