Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 18 Mag, 2018 in Qui Castellammare | 0 Commenti

Fuori gioco chi specula sul futuro della città

Fuori gioco chi specula sul futuro della città

Di Martino: “Liquidazione Sint unica strada per salvare il patrimonio termale: fuori gioco chi specula sul futuro della città”

Le Terme di Stabia sono un patrimonio comune e l’obiettivo di tutti deve essere lavorare per restituirle alla città. Quello che sta avvenendo in queste ore con il flop della privatizzazione, a cui non ha risposto nessun investitore, preoccupa me come tutti quelli che hanno a cuore Castellammare. E’, però, la dimostrazione che la strada intrapresa dall’amministrazione Pannullo era quella sbagliata. La decisione del commissario prefettizio, Gaetano Cupello, di liquidare la Sint è l’unica possibile per mettere lo stabilimento delle Nuove Terme e gli altri beni al riparo dagli scossoni del fallimento. Lo avevo detto mesi fa e lo ripeto oggi, su un tema così serio non ho alcuna intenzione di replicare a chi sull’orlo di una crisi di nervi, piuttosto che guardare avanti si lascia andare ad insulti privi di senso. Con il patrimonio termale tornato al Comune l’idea è di procedere a due bandi per dare alle Antiche Terme una mission legata al benessere e al turismo del wellness e fare delle Nuove Terme un centro di riabilitazione con una sezione dedicata alla medicina sportiva. Noi continuiamo a chiedere la fiducia agli stabiesi con proposte concrete che non devono trovare mediazioni e compensazioni nelle stanze dei partiti. La nostra è una città senza padroni e padrini.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/gioco-specula-sul-futuro-della-citta/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *