Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 24 Dic, 2015 in Qui Castellammare | 0 Commenti

Il brindisi al lavoro che non c’è

Il brindisi al lavoro che non c’è

Ha il sapore della delusione che non passa il brindisi degli ex lavoratori delle Terme di Stabia che nonostante tutto hanno scelto di ritrovarsi per stare insieme , ancora una volta,  augurandosi che il nuovo anno riporti un lavoro vero. Un anno pesante quello che sta per concludersi per i lavoratori dell’ex complesso termale del Solaro .  Era il 23 Marzo del 2015 quando il Tribunale di Torre Annunziata annunciò  il fallimento delle Terme di Stabia. Equitalia  dicendo “no” al pagamento ridotto dei debiti e  la ”non fattibilità giuridica” del concordato richiesto dall’Amministrazione comunale, guidata dall’ex sindaco Nicola Cuomo. Un giorno amaro che i lavoratori e la città non dimenticheranno mai .  ”Già dai tempi in cui l’azienda termale era in funzione, il brindisi augurale a Natale era una consuetudine. Questo non solo in virtù di un mero rapporto lavorativo, ma anche perché tra di noi  – sottolinea Salvatore Suarato – è sempre esistito un grande rapporto familiare”.  E Salvatore Suarato responsabile della Cisl-Fisascat ha inteso dare continuità a questo appuntamento. “Logicamente – ha dichiarato il sindacalista – diversamente da quando l’azienda era in vigore, agli auguri natalizi fa seguito il proposito di poter ritornare al lavoro”. Per  qualche ora si sono ritrovati tutti insieme i termali che per giorni hanno presidiato l’ingresso di Palazzo Farnese, durante la scorsa primavera. Un brindisi carico di emozione . Durante l’incontro, Salvatore Suarato ha ancora una volta rilevato le gravi difficoltà di gestione del vivere quotidiano, che attanagliano queste persone.  Ci sono ex lavoratori  che  nella speranza di un futuro migliore hanno lasciato l’Italia. C’è chi si è trasferito all’estero per racimolare i soldi  per consentire ai figli di sposarsi.  E c’è chi un lavoro ancora lo sta cercando. Un brindisi tra amici dove però non si è potuto fare a meno di ricordare ciò che è accaduto e i “silenzi” della politica. Quella politica che , come ha evidenziato ancora una volta Salvatore Suarato, non ha saputo gestire un patrimonio inestimabile come quello di Terme di Stabia.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/il-brindisi-al-lavoro-che-non-ce/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *