Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 25 Nov, 2015 in Prima Pagina, Subbuteopia | 0 Commenti

Il Subbuteo ricorda George Best

Il Subbuteo ricorda George Best

Una star del calcio. Un campione oltre le regole. A dieci anni dalla sua scomparsa anche il mondo del calcio in miniatura ricorda George Best. Tornei qua e là vengono dedicati alla stella numero 7 del Manchester United degli anni 60. E in punta di dita qualcuno ci prova a far rivivere per alcuni minuti le gesta del “El Beatle” che vinse la Coppa dei Campioni nel 1968,  anno in cui gli fu conferito anche il Pallone d’oro.

Una vita sregolata e dominata dagli eccessi, ma all’interno del rettangolo verde George Best ”sapeva unire velocità a tecnica sopraffina, nonostante il fisico gracile e la bassa statura”.  Che sia in un campo di erba vera o su un campo di astropitch vale sempre ciò che pensava il numero 7 del Manchester United . ”Non puoi solo andare là fuori e battere l’ avversario. Devi impressionarlo al punto che non vorrà mai più vederti”.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/il-subbuteo-ricorda-george-best/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *