Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 24 Apr, 2016 in Prima Pagina, Qui Castellammare | 0 Commenti

La rivoluzione si fa con una matita

La rivoluzione si fa con una matita

”La rivoluzione si fa con una matita” è la scritta che campeggia sul palco del Supercinema, a fare da sfondo i colori della città il giallo e il blu e l’ hashtag #percastellammare.  Simbolo e scritta che in tanti portano attaccata ai maglioncini e alle giacche. In sala ad ascoltare Salvatore Vozza  c’è la città che vuole ”risalire la china”.  Uomini e donne perbene che vogliono con entusiasmo ed energia dare un contributo per cambiare pagina. A precedere l’intervento di Vozza sul palco si susseguono l’attrice Anna Spagnuolo,  il direttore artistico del Supercinema Lello Radice che porta alla sala i saluti degli ex sindaci Flavio Di Martino e Lino Polito ma anche un messaggio dell’attore Sebastiano Somma  , e l’attore Gianfelice Imparato.  ” Voglio dire una cosa subito io sono in campo per affrontare questa battaglia” esordisce Salvatore Vozza. Lancia ufficialmente  la sfida per Castellammare l’ex sindaco sgombrando il campo dagli equivoci. ”Abbiamo provato a fare un lavoro di discussione e di coinvolgimento. Questa mattina è una bella giornata per Castellammare e’ una pagina nuova. Qui c’è una novità con la quale il centro destra e il Pd dovrebbero fare i conti,  i cittadini si sono ritrovati al di la delle coalizioni ed è un gesto molto bello. Al di là delle appartenenze che nessuno di noi nega ne io  ne Salvatore Vitiello . Oggi è una brutta città per gli inciucioni ,quelli che vanno da un bar all’altro che si inventano cose”.  ”Nelle ultime ore, – prosegue-sono circolati nomi di presunti assessori, indicati a far parte della mia giunta. Smettetela con queste bugie e falsità che hanno, come unico scopo, il tentativo di inquinamento di un percorso lineare e trasparente. Lo stiamo portando avanti, con tante persone di diversa provenienza, e fuori da vecchie logiche di potere. Le persone nominate stanno contribuendo al progetto ‪per Castellammare‬, insieme a tante altre, e in maniera disinteressata.Va avanti a braccio da politico navigato l’ex sindaco. Parte dalla discussione scomparsa nella vita di Castellammare, quell’agorà che non c’è più, per poi toccare i tanti temi dalla Villa Comunale, alle Terme, alla macchina comunale, alla situazione del San Leonardo, a Fincantieri, al turismo possibile, a quella quotidianità che la città chiede.  Ma questi sono solo alcuni dei temi trattati . Tante le stoccate inviate che assomigliano però ad una lezione  per i politici da bar  e i detentori dei pacchetti di voti ”Basta con le aggregazioni senza presentare il programma e senza il candidato a sindaco”. ”Quali interessi – si chiede e invita a chiedere Vozza- vi tengono insieme”.  Ribadendo ”così non si va da nessuna parte”. ” Siamo in campo per unire Castellammare” -prosegue l’ex  parlamentare che vuole portare la città fuori dall’isolamento in cui è stata relegata da chi lo ha preceduto. Un invito a Idv e a Nello Di Nardo e un consiglio alla città  pensando proprio all’ospedale San Leonardo ”Io credo che lì dentro ci sono grandi potenzialità. Mi è capitato di andare lì per una situazione personale ti viene la rabbia, ma vedi anche i medici come sono costretti a lavorare. Ma si può dire, a qualche personaggio del nolano,  – dice Vozza – di non mettere più piede a Castellammare, perché l’ospedale San Leonardo lo hai sfasciato?”. La rivoluzione delle matite è anche non barattare con un voto la propria dignità . ”Sono consapevole che chi ha governato è anche oggetto di critiche. Guai – ammonisce- a non saper parlare di se stessi. Non devo – prosegue – fare il sindaco per avere lo stipendio da sindaco, per andare a fare il parlamentare. La carriera politica la ho alle spalle”. ”Questa è la mia città  e questa città si salva – prosegue Vozza-  se tra di noi ci guardiamo negli occhi, ci stringiamo la mano , – sottolineando come gli scrive un ragazzo – che la bellezza è l’unica strada per salvare Castellammare”. Una città che si può salvare  impugnando la matita.

Galleria fotografica

anna spagnuolo Anna Spagnuolo

gianfelice imparato Gianfelice Imparato

lello radice Lello Radice

vozza Salvatore Vozza

vozza e vitiello Salvatore Vitiello e Salvatore Vozza

vozza,VITIELLO, POLITO

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/la-rivoluzione-si-matita/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *