Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 31 Dic, 2015 in Prima Pagina, Quarta pagina | 0 Commenti

La visita di Capodanno

La visita di Capodanno

Nel giorno dei giorni ci piace ricordare uno dei più grandi cantori di Napoli spesso dimenticato e bistrattato come succede spesso a quelli come diremmo dalle nostre parti con  ”le qualita”’

Poesia di Capodanno
di Ferdinando Russo
La visita di Capodanno

E buona fine, e buon principio d’anno!…
Altrettanto! Altrettanto!… Favorite!…
Quali onori!… Gli affari come vanno?
Cummara mia!… Contiamo sulle dite!

Primma, ve ricordate? a Capodanno
er altra cosa. o… Simmo finite
Mo si scippa! Si vive lavoranno… .
E ‘e ppiccerelle voste? Songo uscite…

La primma, Marietta, e quella là
si è data al canto… La vocetta è bella!..
Voi la sentiste, l’anno scroso…? Già!

Me pare che cantò… «Serenatella»?
Sì, ma adesso è tutt’altro, ‘a verità!
È ‘a primm’alunna ‘e San Pietro a Maiella!

Ebbravo!… – A me però non mi suonava
di farla studià pe’ ffa’ l’artista…
Comprenderete… Una si mette in vista…
Ed anche il patre, la contrariava!

Ma intanto sta ragazza ragionava!
Pecché forzarla a fa’ , a telegrafista?
Cu ‘ o tasto mmano se sciupava’ a vista,
e poi… la gioventù si atrofizzava!…

È brunetta, cummà… piuttosto bella…
Con quell’andata ‘e corpo! Un’amazzòne!…
E po’, chella sviluppa, ‘a piccerella…

Cummara mia, avite fatto buone!
Sul palco-osceno d’un San Carlo, chella,
se ‘a fate andare innanzi, è un furorone!
È vero?.. – Eh! mo n’artista fa fortuna!
Fatela fa’, si tene genio ‘e fa’!…

Sì, sì, mo s’è decisa, a seguità…
Se po’ di’ che cantava dalla cuna…

Quanno piangeva, aveva modulà!…
Ieri cantò l’«Addio signora Luna…»
Embè, quand’arrivò alla notta bruna
fu nu croscè d’applavuse, cummà!…

Quello, quello è un amando che si lagna
per la perdenza dell’ oggetto amato
e si sperisce in mezzo a una campagna.

Che chiasso, cummarè! Che battimani!
E mo, prima d’uscì, col fitanzato,
s’ha passato il duvetto degli Ernani!

Perché Ciccillo… già… mo è suo promesso…
Ebbravo!… Si conobbero, così…
Voi sapete… Per via… succede spesso…
Ma lui poi venne qua pe’ se schiarì…

È giovinotto… S’è laurato adesso…
Si tiletta di canto… e po’ riuscì!
Ma quann’ ‘a sente all’abborrito amplesso,
pare comme ‘a vulesse incenerì!…

Già! Ll’apre ll’uocchie nfaccia, cummarè,
che quando accadde che me ne accorgei,
io dimandò a me stessa: «E pazzo, o che?».

Embè, dopo ho cambiato opinione!
Quello m’ ha confessato, ai piedi miei,
ch’è tutto effetto della mozzione…

E l’altra? Chi, Sisina? Poveretta,
colla saluta gràcita che tene,
coll’anemia, che è come nelle vene
il sangue vostro fosse un po’ d’ acquetta,

c’ha da fa’?.. Resta in casa! E mo arricetta,
e mo arricama, e mo sta poco bene,
e mo tussisce!… io sto fra mille pene!…
E… nun le fate fa’ qualche curetta?..

Cummara mia! Ma tutto, si è tentato!
Chella, o stommaco ‘ e chella, è fatto puzzo!
Se sapreste che bobbe s’ha ingoiato!…
Proprio l’aldrieri, il medico, De Maio, ,
Le prescrivette l’olio di merluzzo,
quello col pesce addietro al marinaio…

 

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/la-visita-di-capodanno/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *