Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 6 Dic, 2016 in My Christmas, Prima Pagina, Qui Castellammare | 0 Commenti

Le zeppole dell’Immacolata

Le zeppole dell’Immacolata

Passo dopo passo ecco come preparare le squisite zeppole dell’Immacolata.

Natale è festa, è ricordi, è musica ma è anche sapori ed odori.

Nel segno del sapore e della tradizione , Natale, all’ombra della Cassarmonica,  è anche il gusto delle zeppole dell’Immacolata . Dolcetti che si mangiano caldi caldi nella notte tra il 7 e l’8 Dicembre, mentre si prepara l’albero o si finisce di allestire il Presepe.

Patate, farina, burro, zucchero, lievito, uova e anice gli ingredienti per preparare questa delizia che accontenterà grandi e piccini.  Per fare le zeppole dell’Immacolata occorrono come ingredienti:  400 grammi di patate, 4oo grammi di farina, 100 grammi di burro, 3 cucchiai di zucchero, 1 dado di lievito sciolto in una tazzina di acqua tiepida , 3 uova intere, 1 tazzina d’anice.  La preparazione è abbastanza semplice , l’atmosfera natalizia e la voglia di far festa renderanno tutto ancora più piacevole. La prima cosa da fare è prendere le patate e lavarle bene. Una volta lavate le patate vanno messe in una pentola con abbondante acqua e lessate finchè non saranno cotte. Una volta cotte le patate vanno private della buccia e passate al setaccio nell’apposito schiacciapatate. Una volta fatto questo si procede ad aggiungere tutti gli ingredienti. L’impasto , va lavorato poco e lo si lascia quando è ben amalgamato. Si formano dei bastoncini doppi un dito , aiutandosi con la farina, e si tagliano a piacere, chiudendoli ad anello, come tarallini. Si mettono a crescere per circa un’ora coprendoli con un panno di lana , quando gli anelli sono raddoppiati di spessore si friggono in olio di semi bollente . Per friggerli occorre metterli in una pentola alta, per far si che galleggino nell’olio. Una volta dorati si alzano con l’aiuto di un mestolo forato e si adagiano su una carta assorbente . Si passano poi nello zucchero e si servono in un piatto di portata. Con poca fatica e in un’ora e mezza circa le zeppole dell’Immacolata si potranno gustare al caldo aspettando il giorno di festa. In un momento  la casa avrà un profumo che resterà nei ricordi nel tempo.

 

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/le-zeppole-dellimmacolata-2/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *