Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 8 Giu, 2018 in Qui Castellammare | 0 Commenti

Massimo de Angelis: «Vi racconto come sarà Castellammare»

Massimo de Angelis: «Vi racconto come sarà Castellammare»

Massimo de Angelis: «Vi racconto come sarà Castellammare»

“Vi racconto questa città. Vi racconto quel che Castellammare di Stabia sarà. Senza premesse, senza retorica.

Una città che ricomincia dal mare: il mare torna ad essere il mare di Castellammare di Stabia. Mare balneabile, lungomare dall’Acqua della Madonna a Rovigliano, porto turistico.

Una città che recupera il suo ruolo nell’area del Mediterraneo. Un porto che, grazie anzitutto alla sua centralità tra Pompei e Sorrento, attrae uno straordinario traffico crocieristico. Crocieristi che non transitano soltanto per guardare la città da lontano, ma la vivono e alimentano la sua economia: 4000 occasioni di lavoro possono venire dal mare.

Una città che funziona, che investe i fondi europei per le periferie e per il Centro Storico fino all’ultimo euro. Una città dove funziona la macchina comunale ventiquattro ore su ventiquattro.

Una città che si muove, che non aspetta più. Con più autobus, più frequenza e regolarità nelle corse. Una città dotata di un progetto per la mobilità sostenibile, che estende le ZTL e si dota di nuovi parcheggi: di interscambio, per residenti, con sosta oraria.

Una città più sicura: più sicure le scuole, con un piano importante per la sistemazione degli edifici; più sicure e illuminate le strade; più sicure, regolari ed evidenti tutte le procedure pubbliche.

Una città più pulita, più verde, più curata, che ogni anno, in ogni quartiere, restituisce alla collettività una piazza o un’area attrezzata. Che fa ogni anno, non quando capita, manutenzione ordinaria di almeno 10 km di viabilità. E finanzia le opere di riqualificazione e rigenerazione dell’edilizia urbana.

Una città che non perde lavoro, ma lo dà. Dà lavoro grazie al porto che cresce, al turismo che riparte, ai capitali privati che tornano a investire, a un piano ragionato di edilizia residenziale pubblica.

Una città più vivace e creativa, che torna ad essere capitale della cultura, delle arti e dell’innovazione. Che dà al cittadino stabiese la stessa opportunità digitale di un cittadino di Barcellona o di Marsiglia. Che investe nella cultura per valorizzare anzitutto l’intellettualità diffusa che arricchisce la città.

Una città a misura di bambino, libera da ostacoli fisici, da sopraffazione e violenza. E a misura di tutti: meno faticosa, più semplice, più sensibile ai bisogni collettivi e promotrice delle iniziative individuali. Capace di generare senso di appartenenza e di combattere marginalità e nuove povertà.

Questa non è la città del futuro; è la città dei prossimi anni. È la città che cominciamo a cambiare, adesso.

Noi scegliamo la città perché possiamo farcela.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/massimo-de-angelis-vi-racconto-sara-castellammare/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *