Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 6 Apr, 2016 in Quarta pagina | 0 Commenti

Napoli sfiducia Renzi

Napoli sfiducia Renzi

“Napoli sfiducia Renzi ” è la scritta su uno striscione che apre il corteo svoltosi oggi a Napoli. Momenti di tensione sul lungomare di Napoli tra le forze dell’ordine e un gruppo di manifestanti – circa un centinaio dei comitati di cittadini di Bagnoli, collettivi studenteschi e centri sociali – contro l’arrivo in città di Renzi. Sono stati sparati lacrimogeni e anche alcune bombe carta. La gran parte del corteo si è divisa e allontanata dal punto di scontro con i manifestanti che lanciavano pietre contro le forze dell’ordine, che hanno azionato gli idranti. Gli attivisti hanno bloccato il traffico sul lungomare, ferme diverse auto con cittadini a bordo che cercavano di passare tra i divisori di plastica. Ad aprire il corteo uno striscione con la scritta: “Napoli sfiducia il Governo Renzi” e un grande pupazzo di Pinocchio che indossa una maglia con la scritta Pd. I manifestanti hanno intonanato cori contro l’esecutivo e in tanti indossavano maschere di pulcinella. Tra i cartelli: “Napoli città ribelle”, “No al Governo delle lobby e degli speculatori”, “Non c’è trippa per ratti, Renzi torna nelle fogne”. Da un palazzo laterale in piazza Dante, alcuni manifestanti hanno esposto uno striscione: “Renzi via da Napoli”. Quattro poliziotti – si apprende da fonti della Questura di Napoli – sono rimasti feriti dal lancio di pietre effettuato da alcuni manifestanti all’altezza dell’incrocio tra via Partenope e via Colonna, a Napoli. Gli agenti hanno usato idranti e lanciato lacrimogeni per disperdere i manifestanti.  Una venuta quella di Renzi a Napoli che si trascina dietro tra i cittadini e i pendolari fiumi di polemiche per via della città paralizzata dal traffico e diverse corse dei bus saltate .

Foto di Sergio Castaldi 

IMG_3721 IMG_3723 IMG_3721

IMG_3722

imag scontri

renzi statt a casa

image

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/napoli-sfiducia-renzi/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *