Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 3 Mag, 2016 in Quarta pagina | 0 Commenti

Nei disegni il dramma Chicca

Nei disegni il dramma Chicca

Nei disegni che faceva la piccola Chicca c’era tutto il dramma che viveva. ”Disegna e cancella con insistenza figure femminili, come fossero una minaccia per lei. Disegna finestre con le sbarre, case senza porte, inaccessibili. E poi disegna case con due porte, che indicano la paura della separazione, il ricatto, la necessità di farle mantenere il segreto. Manifestava così il suo malessere Fortuna Loffredo, la bimba uccisa il 24 giugno del 2014, nel Parco Verde di Caivano (Napoli). E dalle risultanze delle analisi eseguite dalla grafologa Sara Cordella, incaricata della lettura dei disegni per le indagini difensive sulla tragedia (di cui hanno riferito organi di stampa), emerge che Chicca, nei suoi disegni, parla, comunica. Quando usa i pennarelli nel palazzo dove vive, a casa con le amichette, sceglie colori vivaci e con un tratto marcato.
Carichi di rabbia, eccitazione, aggressività, secondo il perito di parte. Sul suo corpicino sono emersi i segni di violenze sessuali reiterate che la piccola, secondo i magistrati della Procura di Napoli Nord, subiva da Raimondo Caputo.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/nei-disegni-dramma-chicca/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *