Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 18 Nov, 2016 in Prima Pagina, Qui Castellammare | 0 Commenti

Pd nessun congresso . Domenica arriva De Luca

Pd nessun congresso . Domenica arriva De Luca

Pd nessun congresso . Domenica arriva De Luca

Verba volant scripta manent recita l’antica locuzione latina  ma gli impegni presi rispetto allo svolgimento del congresso cittadino del Partito Democratico a Castellammare sembravano più di semplici parole volate all’aria una sera di ottobre. Come da copione , ormai collaudato, non si celebrerà neanche questo fine settimana il congresso che avrebbe dovuto portare all’elezione del nuovo segretario cittadino. Anzi nel giorno che ci dovrebbe essere stata la votazione per dare finalmente la guida ad un partito commissariato e assente a Castellammare arriva per tirare la volata al Si il presidente Vincenzo De Luca. Unico nome sulla locandina che annuncia l’evento quello del primo cittadino Antonio Pannullo. Prova di forza? Rilancio d’immagine? Questo lo si capirà domenica mattina anzitutto sul come risponderà la città all’appuntamento fissato per le ore 11.00 al Teatro Supercinema. Intanto in casa Dem esprimono preoccupazione per il rinvio del congresso cittadino del PD gli esponenti di Officina Democratica.
”Abbiamo perduto- scrivono –  la nostra storica sede, da mesi ormai e’ impedito il confronto democratico e l’esistenza stessa di una comunità politica che ha contribuito alla vittoria del centrosinistra nell’ultima tornata elettorale. Subito dopo le elezioni e’ prevalsa l’idea sbagliata e pericolosa di ridurre l’esercizio della funzione di governo che ci e’ stata consegnata dai cittadini alla sola dimensione Istituzionale, cercando in tal modo di cancellare il Partito come momento di confronto necessario per l’elaborazione politica e la crescita culturale dei propri iscritti. Tutto questo e’ gravissimo. I partiti non possono essere degradati al ruolo di meri comitati elettorali che si attivano solo al momento delle elezioni.
Il Sindaco dovrebbe comprendere che per vincere la sfida di governo è essenziale avere un luogo aperto alla città dove discutere, confrontarsi, e scontrarsi: si chiama democrazia.  Ormai iniziano a palesarsi le prime crepe all’interno di una maggioranza composta da tanti singoli consiglieri comunali ed incapace di esprimere una cifra politica vera ed una visione strategica dello sviluppo necessario della nostra città, esposta al rischio molto forte di una ripresa delle attività criminali da parte delle organizzazioni camorriste che stanno reclutando tantissimi giovani, soprattutto nei quartieri popolari. Non vogliamo alimentare altre polemiche, altri scontri, anche in vista dell’appuntamento referendario del 4 dicembre; con i toni giusti vogliamo riaffermare la necessità, innanzitutto per l’Amministrazione Comunale, di non chiudersi nel “Palazzo”, abbiamo bisogno di confrontarci democraticamente e di mettere in campo un nuovo progetto capace di coinvolgere la città, e di investire su un gruppo dirigente giovane, forte ed autorevole.  Noi siamo pronti, riconfermiamo la nostra scelta di puntare sull’architetto Giuseppe Giordano, auspicando la più ampia convergenza sul suo nome ed invitiamo le altre componenti del partito ed il Sindaco in particolar modo ad assumere un comportamento responsabile e civile: l’unità si può affermare solo attraverso il confronto democratico, tra persone, idee, progetti, tutto il resto sono vecchie e usurate liturgie che rischiano di minare la nostra comunità e sopratutto ci allontanano dalla città e dai suoi problemi”

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/pd-nessun-congresso-domenica-arriva-de-luca/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *