Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 22 Ago, 2017 in Bar dello Sport, Prima Pagina | 0 Commenti

Sabato parte la Serie C. Ma siamo sicuri?

Sabato parte la Serie C. Ma siamo sicuri?

Sabato parte la Serie C. Ma siamo sicuri?

Di Jacopo Petruccione

Continua il braccio di ferro tra Tommasi e Gravina.

La prima di campionato di una “ridotta” serie C rischia ancora di slittare, per svariati motivi.
L’Aic, presieduta da Damiano Tommasi,contesta, innanzitutto,la regola che prevede il passaggio degli over da 16 a 14: una regola che ha “abbandonato” circa cinquanta calciatori, rimasti senzasquadra.
Le polemiche riguardano anche il differimento del pagamento degli emolumenti di Giugno al 16 settembre per i tesserati, per poi giungere al nodo del metodo adottato per i ripescaggi, con la tassa a fondo perduto da 500mila euro e i parametri sempre più stringenti, che, ogni anno, fanno rinunciare molte società a farne domanda.
Alla nota emessa dal Presidente della Lega Gravina che invitava l’Aic a riflettere, aveva fatto seguito l’offerta presentata da Tavecchio di 500 mila euro che vada a coprire le fidejussioni mancantidi alcuni club nella passata stagione e che andrebbe a coprire il buco creatosi nel fondo di garanzia dei calciatori.
Un modo come un altro per tentare di coprire il pasticcio e di scongiurare lo slittamento dell’inizio del campionato, con una proposta mortificante e non congrua.
Ma l’intesa, proprio quando sembrava vicina, è stata allontanata dal botta e risposta tra Aic (in stato di agitazione dal 10 agosto) e dalle parole di ieri di Gravina, che replica: “E’ da due anni che diciamo che gli over passeranno a 14. Dov’era prima Tommasi? Nessuno dice però che abbiamo anche aperto le liste, che prima erano bloccate a 24 tesserati. Ora, tenendo il limite di 14 over, una squadra può avere anche 30 tesserati in totale se ritiene. Abbiamo già verbalizzato che la lista rimarrà con il limite di 14 finchè ci sarà Gravina presidente, anche perché sono stati sottoscritti accordi commerciali, dove viene garantito da parte nostra che la lista non verrà ritoccata ulteriormente, per non abbassare il livello qualitativo della competizione.”
Poi continua “Tommasi non può fare la voce grossa con noi, non può mettere a repentaglio la credibilità della mia Lega, costruita in questi anni. E non può offendere la dignità dei miei presidenti di società. Ho dovuto già rinviare Olbia-Pisa per oggettivi problemi di natura organizzativa, non posso certo far perdere soldi ai club. Se deciderà di scioperare si andrà al massacro, con tanti 0-3 a tavolino“.
Sulla questione della “lista over”, quindi, il Presidente della Lega Pro è stato molto chiaro: non si torna indietro, perché si punta alla valorizzazione dei giovani.
La sensazione è che, quella convocata per giovedi prossimo a Firenze, sarà un Assemblea dei club molto rovente, a circa 48 ore di distanza dal via della “nuova”, ma già contestatissima, serie C.
C’è da attendere per un’intesa che sembra possibile, ma sarebbe ora che si parlasse di calcio giocato.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/sabato-parte-la-serie-c-sicuri/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *