Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 4 Feb, 2016 in Prima Pagina, Qui Castellammare | 0 Commenti

San Michele al Faito

San Michele al Faito

San Michele al Faito ha bisogno dell’aiuto degli stabiesi per il completamento dei lavori di restauro. “Lavori che -come scrive don Catello Malafronte- sono al momento fermi per mancanza di fondi”. Solo un anno per completare il restauro della splendida chiesa che sorge sul gigante verde che sovrasta i comuni di Castellammare e di Vico Equense.  “Sono stati realizzati sinora importanti lavori compreso la scavo dell’ascensore per il superamento delle barriere architettoniche. Al momento ilavori sono fermi per mancanza di fondi ed abbiamo solamente quest’anno per completare il restauro . La raccolta fondi continua ma è molto lenta. Sinora ho raccolto appena 6 mila euro . Mi rendo conto della particolare difficoltà economica che stiamo tutti vivendo. Pensate che cosa meravigliosa sarebbe , se insieme alla riapertura della Funivia, potessimo  – conclude don Catello Malafronte – riaprire anche il nostro Santuario”. Un desiderio che gli stabiesi potrebbero aiutare a realizzare anche con piccole donazioni. Due autunni fa il sacerdote inviò a tutte le famiglie dei comuni della diocesi una lettera  invitando a partecipare alla scalata per la ricostruzione del santuario di San Michele al Faito sul modello della “scala delle pietre” indetta 70 anni fa per la costruzione. Chi volesse raccogliere l’appello per contribuire alla ristrutturazione del santuario può  inviare il proprio contributo a ” Santuario di San Michele Arcangelo ” MONTE FAITO tramite:
– Conto Corrente Bancario – Monte Dei Paschi Di Siena – IBAN – IT 84 M 01030 40260000000439375

 12640295_448725872001606_9015932937894106731_o 12694990_448725965334930_8332913018089652968_o

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/san-michele-al-faito/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *