Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 15 Nov, 2015 in Il Punto, Prima Pagina | 0 Commenti

Siamo a un salto della storia

Siamo a un salto della storia

Ore difficili, sentimenti di tristezza e anche di paura attraversano l’Europa. Parigi e’ il luogo profondo e romantico dell’identita’ europea e la Francia moderna la culla dei diritti inalienabili di liberta’.Siamo a un salto della storia. Il Moderno aveva prodotto un antagonista del sistema occidentale, il Movimento Operaio Storico, civilizzato, colto, capace, agendo il conflitto e conquistando un compromesso, di spingere in avanti l’insieme della civilta’ umana. La sua sconfitta indebolisce anche il campo che sembrava vincente e lascia il mondo in balia di conflitti regressivi, piu’ torbidi e inediti. Orientarsi e’ difficile e il terrorismo, pur nuotando nel mare di sofferenze di popoli e continenti, resta un progetto del tutto autonomo e separato, che nessuna ingiustizia giustifica, e che ha come obiettivo miseramente il potere. I primi commenti parlano di una sua debolezza che ne renderebbe, per questo, pericolosi i colpi di coda. Non saprei, e sono tanti e aspri i conflitti interreligiosi che infiammano alcune aree del mondo da rendere opaca ogni cosa ad un occhio inesperto. Servono analisi serie e capacita’ di lettura, lascerei perdere spiegazioni piu’ consuete spesso ad uso e consumo di reciproche visioni di parte. Le risposte da dare immagino saranno ferme, anche dure, ma non cieche. E tutti in Europa, a partire dalla Francia, dovranno rendere piu’ efficaci le attivita’ di intelligence e di prevenzione. E poi il dialogo, intanto in Europa e poi con Putin e Obama. Come ha ricordato il generale Tricarico qualche ora fa niente avventure militari di fatto trainate da singoli Paesi, magari con scopi inconfessabili, come quelle della Francia in Siria e prima ancora in Libia. Difficile dialogare con fondamentalismi cosi, ma nel ginepraio di contraddizioni di quei mondi ogni azione non ponderata puo’ sollevare vespai. Cosi come ogni intervento sapiente puo’ determinare un buon effetto. Forse e’ anche il momento di chiedere impegno a figure che, ad esempio nel nostro Paese, hanno saputo con professionalita’ e abilita’ agire sullo scacchiere dell’Europa e del mondo. ( alcuni ex presidenti del Consiglio ed ex ministri degli Esteri inopinatamente costretti da parte per le beghe da pollaio che prevalgono nel proscenio italiano e in una stessa opinione pubblica che sembra in preda al delirio).

Vito Nocera 

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/siamo-a-un-salto-della-storia/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *