Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 21 Set, 2017 in Cultura, Eventi, Prima Pagina | 0 Commenti

Signori’ (Una storia quasi d’amore)

Signori’ (Una storia quasi d’amore)

Signori’ (Una storia quasi d’amore)

Il racconto di quelli che non hanno potuto scegliere  e di quelli che hanno avuto paura di scegliere . Il racconto delle tante solitudini silenziose che si consumano magari dietro la porta accanto, mentre il mondo va di corsa , perso tra un selfie e un tweet . Signori’ (Una storia quasi d’amore) che andrà in scena il prossimo 30 Settembre  , alle 21, al Teatro Studio 4 Torre del Greco è un monologo toccante scritto a quattro mani da  Giulia Conte e Gerardo Sanvito , interpretato dalla stessa Giulia Conte.

giulia conte

”L’idea  – spiega l’attrice Giulia Conte – è quella di raccontare una storia di solitudine, di quelle solitudini che non fanno rumore e delle quali nessuno si accorge, ma che esistono e che sentiremmo gridare forte tutto il loro dolore se solo ci fermassimo ad ascoltare. Dalla panchina di un parco pubblico una donna fuori dal tempo guarda la vita, ma la guarda soltanto, come dice lei stessa. L’inadeguatezza nel confronto con il prossimo, troppo preso a cercare in superficie e troppo distratto dalla forma, la rende fin da bambina impossibilitata a cercare di crearsi una vita, e così passa le giornate a guardare quelle degli altri. L’incontro con la “signorì” che solo lei vede seduta sulla “sua” panchina mette in moto una serie di ricordi, che fino a quel momento erano stati gelosamente custoditi, ma che decide di tirare fuori perché siano d’esempio di vita per la giovane sconosciuta. Il ricordo della nonna premurosa, la scoperta di non avere la bellezza che fa inebetire gli uomini, la fabbrica di biciclette, l’incontro con l’ amore e la scelta quasi inconscia di rimanere immobile ad aspettare che la vita passi. “Una storia quasi d’amore” è la storia di tutti gli invisibili, di tutti quelli che non hanno potuto scegliere e di quelli che hanno avuto paura di scegliere di vivere. Un racconto – conclude Giulia Conte- che non pretende di insegnare nulla, una storia che in fondo è nel cuore di tutti”. Per la regia di  Rossi, l’aiuto regia di Pasqua e il disegno Luci Marco Rosolino  Signori’ (Una storia quasi d’amore) è uno spettacolo da non perdere per chi ha voglia di emozionarsi con le parole seguendo i gesti e l’interpretazione di Giulia Conte.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/signori-storia-quasi-damore/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *