Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 28 Set, 2017 in Prima Pagina, Qui Castellammare | 0 Commenti

Tuo Di i sindacati vigileremo sulla Cassa integrazione

Tuo Di i sindacati vigileremo sulla Cassa integrazione

“La cassa integrazione è un sacrificio che è stato imposto a 4000 lavoratori da una gestione che noi troviamo poco trasparente del gruppo Dico Tuodì. E ora non vogliamo che finanche la gestione e la modalità con cui si va ad utilizzare questo ammortizzatore sociale siano poco chiare”. A dichiararlo sono le rappresentanze sindacali del gruppo impegnato nella grande distribuzione che, dopo una crisi finanziaria, si ritrova in stato di attesa di un concordato preventivo. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, a tal proposito, hanno firmato una nota ufficiale nella quale sollecitano un nuovo incontro con l’azienda. Un atto formale che si è ritenuto tanto più necessario dopo la vicenda giudiziaria che investì Antonino Faranda, l’imprenditore a capo della Dico Tuodì spa che 2 anni fa fu indagato in Sardegna con l’accusa di truffa con fondi pubblici. “Sia ben chiaro che sul nostro percorso non vogliamo ombre – avvisano i rappresentanti dei lavoratori – Il 4 settembre, eravamo rimasti d’accordo per un incontro a strettissimo giro per beneficiare con trasparenza dei soldi che in questa fase mette a disposizione lo Stato, ma da quel giorno c’è stato solo silenzio da parte dell’azienda. Per questo, abbiamo deciso di fare noi il primo passo e di proporre tre date per questo incontro: il 4, il 6 o il 13 ottobre. Di fronte a chi sta rischiando il proprio futuro, pretendiamo un comportamento serio: una gestione trasparente della cassa integrazione e la presentazione di un piano di rilancio del gruppo credibile. I sacrifici di 4000 famiglie, altrimenti, non avrebbero senso e ci ritroveremmo di fronte solo ad un gravissimo caso di uso distorto degli aiuti pubblici”.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/sindacati-vigileremo-sulla-cassa-integrazione/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *