Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 29 Mar, 2016 in Prima Pagina | 0 Commenti

Sul viso di Giulio il male del mondo

Sul viso di Giulio il male del mondo

verità-per-giulio

“Sul viso di Giulio ho visto il male del mondo”.

La famiglia di Giulio chiede la verità

L’articolonline nel dare solidarietà alla famiglia Regeni si fa parte di questa battaglia

“VERITA’ PER GIULIO REGENI”

 

 

regenisenatogenitori2  regeni

Una foto tratta dal profilo Facebook di Irene Regeni, mostra i genitori e la sorella di Giulio Regeni. +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

“Se il 5 aprile sarà una giornata vuota confidiamo in una risposta forte del nostro Governo. Forte ma molto forte. E’ dal 25 gennaio che attendiamo una risposta su Giulio. Noi sapevamo che Giulio non era nei Servizi – Noi, a livello viscerale, sapevamo che nostro figlio non era nei servizi segreti, con tutto il rispetto per chi fa il lavoro di intelligence”. Sono le parole di Paola Regeni  “Ho riconosciuto Giulio solo da punta del naso, non vi dico quel che gli hanno fatto”. Così Paola Regeni ha descritto le condizioni del figlio dopo aver visto la salma all’istituto di medicina legale. L’ultima foto del ricercatore, ha raccontato la donna, risale a 10 giorni prima della scomparsa ed è proprio quella circolata centinaia di volte sui media, quella in cui si vede Giulio sorridente, con un maglione verde. “Il suo era un viso sorridente, con una sguardo aperto – ha detto Paola – e quella è una foto felice. Non si vede, ma sotto c’era un piatto di pesce, perché Giulio era con i suoi amici e sapeva anche divertirsi, non solo studiare”. Dopo quell’immagine, però, i genitori ne hanno dovuta vedere un’altra. “E’ un immagine che con dolore io e Claudio cerchiamo di sovrapporre a quella di quando era felice. Il suo volto, come restituito dall’Egitto – ha spiegato Paola – è completamente diverso. Al posto di quel viso solare e aperto c’è un viso piccolo piccolo piccolo, non vi dico cosa gli hanno fatto. Su quel viso ho visto tutto il male del mondo e mi sono chiesta perché tutto il male del mondo si è riversato su di lui”. Così, quando è entrata nell’obitorio, Paola Regeni ha riconosciuto suo figlio dal naso.”Se ci riferiamo a quel che è accaduto, e cioè alle torture subite da un cittadino italiano, allora è probabilmente un caso isolato. Ma altrimenti non lo è affatto poiché gli stessi amici di Giulio, la parte amica dell’Egitto, ci hanno detto che lo hanno torturato e ucciso come un egiziano.”. La morte di Giulio, ha concluso la donna, “non è dovuta al morbillo o alla varicella.

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/sul-viso-giulio-male-del-mondo/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *