Pages Menu
TwitterFacebook
Categorie

Postato by on 22 Set, 2017 in Quarta pagina | 0 Commenti

Tuo Di’ lavoratori delusi dell’azienda

Tuo Di’ lavoratori delusi dell’azienda

Tuo Di’ lavoratori delusi dell’azienda

 

L’incontro tenutosi presso il Ministero dello Sviluppo Economico con i vertici della Dico spa, la società che gestisce i punti vendita dei discount Dico Tuodì in attesa di un concordato preventivo per far fronte ad una gravissima crisi economica, è stato giudicato “inconcludente” dalle rappresentanze sindacali che cercano di tutelare circa 4000 addetti in tutt’Italia. “La delusione – spiega la Rsa – deriva dal fatto che l’azienda, sul tavolo istituzionale che avrebbe dovuto vedere un vero e proprio piano di rilancio del gruppo, ha continuato a non dare alcuna risposta chiara. La società, ancora una volta, ha assunto un atteggiamento evasivo sia in merito al futuro del gruppo che sulla quattordicesima spettante ai lavoratori, che dovrebbe rimanere congelata dalla procedura di concordato. Inoltre, nessun sostanziale passo avanti si è registrato anche per lo stesso rimborso del 730. L’unica novità ufficiale che è scaturita dall’incontro – sottolineano i sindacati – è che il pericolo spezzatino che avevamo già fiutato in tempi non sospetti si sta già materializzando perchè l’azienda ha annunciato che 7 punti vendita già sono stati ceduti ad un altro gruppo commerciale. I soldi derivanti da questa operazione, stando a quanto dichiarato al Mise, sono serviti per qualche riapertura a macchia di leopardo. Peccato che i negozi che hanno rialzato le saracinesche siano più sprovvisti di prodotti di prima. A questo punto – concludono i sindacati – la nostra speranza è che il piano industriale che l’azienda dovrà necessariamente presentare entro il 12 novembre non sia il proseguo di questa messinscena che ci ha solo umiliati”. Si resta in attesa intanto della risposta all’interrogazione presentata da Articolo uno

Twitter
Facebook
Google+
http://www.larticolonline.it/tuo-di-lavoratori-delusi-dellazienda/

Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *